Melanoma

Il melanoma è un tumore molto aggressivo che si sviluppa dai melanociti, le cellule che producono la melanina, il pigmento che conferisce alla cute la sua colorazione. Può insorgere su pelle apparentemente sana o dalla modificazione di un nevo preesistente.

Il 50% dei melanomi presenta mutazioni a carico del gene BRAF, che codifica per una serina-treonina chinasi. La mutazione più frequente (V600E) attivante il gene BRAF è a carico dell’esone 15 e rappresenta circa il 90% (88-92%) delle circa 40 diverse mutazioni BRAF identificate nel melanoma. Altre mutazioni che colpiscono BRAF sono la V600K, presente nel 6% dei mutati seguite dalla V600R e dalla V600K (1-3% dei casi).

La ricerca di mutazioni nel codone V600 del gene BRAF è l’analisi molecolare di prima istanza in pazienti con melanoma inoperabile o metastatico. La presenza di mutazioni in BRAF V600 permette di beneficiare del trattamento con inibitori di BRAF.

Le mutazioni a carico del gene NRAS sono presenti nel 15-20% dei melanomi. Anche se NRAS di per sé non è un target terapeutico, è stata dimostrata l’efficacia terapeutica di inibitori specifici in pazienti con melanoma mutato NRAS. Poiché le mutazioni di NRAS e BRAF sono generalmente mutuamente esclusive, le linee guida AIOM ed ESMO suggeriscono la ricerca di mutazioni di NRAS in pazienti con melanoma inoperabile o metastatico con assenza di mutazioni in BRAF.

Mutazioni somatiche in KIT sono state trovate nel 1-3 % di tutti i melanomi maligni. Le mutazioni di KIT sono state identificate più frequentemente nei melanomi mucosali e nei melanomi acrali (15-20%) e la valutazione dello stato mutazionale di KIT per questi due tipologie tumorali è indicata dalle linee guida AIOM ed ESMO.

In presenza di melanomi BRAF e NRAS non mutati è quindi opportuno procedere con la valutazione delle mutazioni del gene KIT per la possibilità, in presenza di mutazione, di trattare i pazienti con inibitori di KIT.

TEST DISPONIBILI:

  • Gene BRAF Ricerca di mutazioni nell’esone 15
  • Gene NRAS Ricerca di mutazioni negli esoni 2,3,4
  • Gene KIT Ricerca di mutazioni note

BIBLIOGRAFIA
AIOM – linee guida MELANOMA – Edizione 2017
Dummer, Hauschild A, Lindenblatt N et al. Cutaneous melanoma: ESMO Clinical Practice - Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. Annals of Oncology 26 (Supplement 5): v126-v132, 2015.
Long GV, Menzies AM, Nagrial AM, et al. Prognostic and clinicopahologic associations of oncogenic BRAF metastatic melanoma. J Clon Oncol. 2011:29(10):1239-46
Menzies AM, Haydu LE, Visintin L, et al. Distinguishing clinicopathologic features of patients with V600E and V600K BRAF-mutant metastatic melanoma. CLin Cancer Res. 2012 Jun 15:18(12):3242-9
Gonzalez D, Fearfield L, Nathan  Taniere P, Wallace A, Brown E, Harwood C, Marsden J, Whittaker S. BRAF mutation testing algoritm for vemurafenib treatment in melanoma: raccomendations from an expert panel. Br J Dermatol. 2013 Apr:168(4):700-7
Colombino M, Capone M, Lissia A. et al.. BRAF/NRAS mutation frequencies among primary tumors and metastases in patients with melanoma. J Clin Oncol. 2012 Jul 10:30(20):2522-9
Cutin JA, Busam K, Pinkel D, Bastian BC, Somatic activation of KIT in distinct subtypes of melanoma. J Clin Oncol. 2006 Sep 10:24(26):4340-6
Carvajal RD, Antonescu CR, Wolchock JD, et al. KIT as therapeutic target in metastatic melanoma. JAMA. 2011 Jun 8:305(22):2327-34.

Synlab Italia srl | Via Martiri delle Foibe, 1 - 20900 Monza (MB) | P.IVA 00577680176 - REA MB-1865893 - Capitale Sociale € 550.000,80 int. vers. | PEC: synlabitalia@pec.it

 

Credits

Questo sito utilizza cookies tecnici per migliorarne il funzionamento e cookies analitici di terze parti per raccogliere informazioni su come gli utenti lo utilizzano. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la nostra Cookies Policy (Leggi qui).
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner o clicchi ok, acconsenti all’uso dei cookies.